Categorie
covid

Report 19 Marzo 2021

Relativo miglioramento conseguente alle misure di restrizione della mobilità in atto. In controtendenza Calabria e ancora Veneto.

Categorie
covid

Report 18 Marzo 2021

Nel report odierno vengono riportati gli scenari simulati sulla base delle variazioni di mobilità riscontrati negli ultimi tre giorni. Si tiene conto, è il caso di ribadirlo, dell’impatto delle varianti a più alta trasmissibilità (e dell’aumento progressivo nel tempo della concentrazione di positivi affetti dalle varianti). Si tiene conto anche della rate di vaccinazioni.

Comincia ad apprezzarsi l’effetto della maggiore severità nelle misure di contenimento della mobilità (monitorato, nel modello, dall’andamento del coefficiente di diffusione che, come detto dall’inizio, misura il numero medio di incontri giornalieri sperimentati da ogni singolo individuo).

Va male, va detto, il Veneto e l’Umbria ha ripreso a peggiorare. Nel complesso si osserva che, per la presenza delle varianti, il livello di mobilità delle persone rimane, ahimè, ancora troppo alto.

Categorie
covid

Report 16 Marzo 2021

Nel report, per ogni grafico, sono riportate le simulazioni al 15 e al 16 Marzo in modo da mettere meglio in evidenza l’evoluzione del contagio. La mobilità resta ancora alta per far fronte all’impatto delle varianti a più alta trasmissibilità.

Categorie
covid

Report 15 Marzo 2021

Situazione fortemente condizionata dall’impatto delle varianti a più alta trasmissibilità. Il regime è ancora transiente, nel senso che la concentrazione relativa dei positivi con variante risulta, da modello, intorno al 67%, in media sul territorio Nazionale. L’analisi dimostra che il livello di mobilità che sperimentavamo prima del periodo delle festività di fine 2020 è insufficiente a frenare il trend in aumento dei casi. Bisogna fare di più insomma.

Categorie
covid

Caso Lombardia: evidenza impatto varianti e modelling

Riportiamo le simulazioni per la Lombardia effettuate in tre momenti diversi: 17 Febbraio, 27 Febbraio e 14 Marzo. Il 17 Febbraio segnalammo, per la Lombardia, l’anomalia riconducibile alla presenza delle varianti a più alta trasmissibilità. Dal confronto ex-post delle simulazioni nei diversi momenti successivi, si vede chiaramente che la previsione “con varianti” è quella che fornisce il trend con la minore dispersione delle curve (su ospedalizzati, mobilità, decessi ed RT). La Lombardia è un ottimo case study perché la Regione ha recentemente intrapreso misure severe per la riduzione della mobilità (il riscontro è già visibile nel plot relativo al coefficiente di diffusione). Vedremo. Intanto, il modello sembra funzionare piuttosto bene in questo regime transiente caratterizzato dalla progressiva crescita della componente dei positivi veicolanti le varianti a più alta trasmissibilità (secondo il modello, per la Lombardia questa componente ha raggiunto oggi l’80%).

Categorie
covid

Report 14 Marzo 2021

Livelli di mobilità prossimi ai valori sperimentati prima delle festività di fine 2020, troppo alti per contrastare l’aumento dei contagi dovuto alla diffusione delle varianti.

Categorie
covid

Report 13 Marzo 2021

Situazione al 13 Marzo 2021, Regione per Regione, alla vigilia delle nuove misure che scatteranno da domani Lunedì 15 Marzo.

Primo gruppo:
Basilicata, Calabria, Campania, Emilia, Friuli, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia mantengono, nella simulazione con varianti, un livello di mobilità pressoché costante (quello raggiunto nel post-festività di fine 2020) che, per la presenza delle varianti, risulta essere troppo alto per impedire la progressiva crescita dei casi. 

Secondo gruppo:
Piemonte, Toscana e Veneto mantengono un livello di mobilità addirittura più alto del periodo post festività di fine 2020, anche sulla base della simulazione con varianti. In queste condizioni la crescita dei casi prosegue a ritmi sostenuti.

Terzo gruppo:
P.A. Bolzano e Umbria hanno impresso una buona riduzione della mobilità e proseguono nella riduzione progressiva dei casi

Inoltre:
P.A. Trento sta significativamente riducendo la mobilità con buoni segnali di contenimento dell’impatto delle varianti. Ma occorre fare di più.
La Sardegna procede bene ma la decrescita dei casi è più lenta per l’impatto delle varianti.

Infine:
La Sicilia entra a pieno titolo nel regime di innesco della nuova ondata per l’impatto delle varianti. Anche la Sicilia deve ulteriormente ridurre, e presto, la mobilità.

Categorie
covid

Situazione Italia al 12 Marzo 2021

Rappresentazione cumulativa delle diverse simulazioni degli ultimi 20 giorni. Nello stesso grafico le previsioni al 24 Febbraio, al 2 Marzo, al 7 Marzo e al 12 Marzo 2021, comparando l’impatto delle varianti a più alta trasmissibilità con la situazione standard per la quale l’esplosione della nuova ondata sia semplicemente attribuibile al solo incremento della mobilità. Si osserva che la dispersione delle curve di fit sui dati degli ospedalizzati risulta significativamente più stretta nello scenario controllato dalle varianti. Senza varianti dovremmo assumere un progressivo notevole (irragionevole) incremento della mobilità degli Italiani nell’arco dell’ultimo mese. Insomma l’effetto delle varianti emerge in modo chiaro e le previsioni più attendibili sono quelle che ne tengono conto. Speriamo che le ulteriori misure di restrizione della mobilità risultino adeguate alla nuova situazione.

Categorie
covid

Report 11 Marzo 2021

La situazione rimane critica in molte Regioni dove gli effetti delle varianti non sono contrastati da misure adeguate di riduzione della mobilità.

Categorie
covid

Report 10 Marzo 2021

Ecco il consueto rapporto Regione per Regione. Si è provveduto a restringere la scala temporale focalizzandola intorno alla presente ondata. Emilia, Lazio, Lombardia, Marche, Toscana, Veneto, molto critiche.